Marie (Barcellona, 2 figli concepiti con FIV – ICSI)

Ricordo perfettamente quando ho saputo che non avremmo potuto avere figli naturalmente. Ero disperata, incredula, e soprattutto arrabbiata: perché stava capitando a me, che fin da piccola il mio unico sogno era di essere madre?

Ho voluto iniziare subito il trattamento per un primo processo di fecondazione in vitro – ICSI, ma i sentimenti negativi erano così travolgenti che ho vissuto molto male ogni fase del processo. Non volevamo parlarne con la nostra famiglia e siamo rimasti chiusi nella nostra situazione, soli con il trattamento, la paura, l’angoscia. Piangevo ogni giorno e avevo regolarmente attacchi di ansia. Ero gelosa di tutti gli amici che mi annunciavano la gravidanza, anche i più intimi, sentendomi colpevole d’avere questi sentimenti.

Il primo FIV-ICSI è stato un fallimento e ho avuto un crollo. Ma dopo un paio di mesi ho deciso di prendere il controllo della situazione e farmi aiutare da professionisti a preparare nel migliore dei modi il trattamento FIV 4 mesi più tardi. Ho imparato esercizi di rilassamento e respirazione, realizzato sessioni di osteopatia, shiatsu e agopuntura con il mio compagno. Anche se la paura e l’angoscia erano ancora presenti, sono riuscita a gestirle meglio, rilassarmi fisicamente prima di ogni iniezione e preparare il mio corpo e la mia mente al processo.


Delphine (Paris, madre single, FIV)
Ho 40 anni, al terzo mese di gravidanza. Era la mia terza FIV in meno di un anno.
Le prime prove non ha portato alla gravidanza. E prima ho dovuto intraprendere due cicli di conservazione di ovociti poiché mi è stato detto che la mia riserva ovocitaria era troppo bassa.

Appena ho iniziato la conservazione, ho iniziato con  le sessioni di agopuntura mensile. I risultati sono stati quasi immediati.

Ero convinta che l’unico modo per andare avanti fosse quello di pensare che avrebbe funzionato al primo tentativo. Sono rimasta molto delusa e mi sentivo persa quando non é accaduto.

Una cosa molto utile è stata parlare con persone che avevano attraversato questo processo.

E ‘solo dopo il mio terzo tentativo, che ho veramente iniziato a cercare aiuto, perché stavo perdendo fiducia e mi sentivo come in una maratona. Ho fatto di tutto: yoga terapeutico (che ancora continuo e che mia ha fatto molto bene la mattina prima del pick up e del transfer), osteopatia (sia interna che esterna), naturopatia (l’assunzione di integratori, dieta speciale, eliminazione di alcuni alimenti), e nel mese delle ultime FIV, 5 sessioni di agopuntura e un paio di sedute con lo psicologo.
E ho continuato a fare tutto ciò fino a quando ho avuto il risultato della gravidanza. Ancora oggi, sono in contatto con il team che mi ha aiutato. Sono convinta che tutti questi metodi mi hanno aiutata e che hanno avuto un peso importante nel successo del trattamento.

Share: